SCUOLA DI EQUITAZIONE ETICA
Ricerca per:

La gestione naturalizzata del cavallo in branco

La SEE ha come principio etico fondante quello di


Rispettare la natura sociale del cavallo garantendogli una vita insieme ai propri simili.


Per questa ragione in tutti i centri della scuola i cavalli vivono 24 ore al giorno in branco in spazi aperti e ricchi di stimoli, organizzati in modo tale da rispecchiare l’ambiente naturale in cui la specie equina si é evoluta.


La SEE é l’unica scuola che propone l’attività di equitazione esclusivamente con cavalli che vivono in gruppo.


La Gestione Naturalizzata del cavallo scalzo in branco è una modalità di gestione degli equini antitetica rispetto alla scuderizzazione tradizionale. Il cavallo è scalzo e vive insieme ai suoi compagni, in ampi spazi all’aperto, con cibo, acqua e ripari sempre a disposizione. Ogni soggetto è libero di relazionarsi e socializzare con gli altri, stabilendo così legami duraturi. Questo favorisce quell’equilibrio psico-fisico che sta alla base del benessere.

Il grande paddock in cui vive il branco non è un semplice pascolo, ma è opportunamente costruito per offrire continui stimoli e risposte al naturale bisogno dei cavalli di movimento, relazione, cura del corpo ed esplorazione.

L’alimentazione è seguita da esperti e costituita prevalentemente da fieno di ottima qualità sempre a disposizione. Nei mesi invernali si consente l’accesso anche a pascoli in erba, generalmente più asciutti.

Svariati studi e ricerche scientifiche moderne dimostrano che la Gestione Naturalizzata del cavallo in branco è l’unica in grado di garantire l’omeostasi etologica e fisiologica del cavallo (l’omeostasi è definita come “il raggiungimento di uno stato di stabilità e di costanza della variabilità del corpo, attraverso risposte regolatorie di tipo sia fisiologico sia comportamentale” – Fraser, 1990) ed il suo equilibrio PNEI (psico-neuro-endocrino-immunologico).

Basti solo pensare che un cavallo che vive allo stato brado raggiunge senza problemi i 30-40 anni di età, mentre difficilmente si può dire lo stesso di un cavallo che viva in box. Non solo la durata, ma anche la qualità della vita è ben diversa: l’equilibrio psicologico di un cavallo recluso ed isolato dai suoi simili è fortemente minato e ne sono una dimostrazione i tic, le stereotipie, la depressione che dilagano fra queste creature sfortunate.

Poiché sia esseri umani che equini appartengono a specie sociali, un cavallo che vive in box non è diverso da un carcerato in isolamento!

Cerca il centro SEE in gestione naturale in branco più vicino a te nella mappa interattiva oppure per approfondire l’argomento vai alle pubblicazioni.


Equiluna ASD

Fivizzano (MS)

Referente: Laura – Cell. 340.7418244

TOSCANA


Il Bosco del Branco

Gornate Olona (Va)

Referente: Barbara – 329.9531002

LOMBARDIA


Nuova Vita ASD

Via Argine Boccadiganda 115, BorgoVirgilio (Mantova)

Referente: Martina – 346 133 0641

LOMBARDIA


Il Poderetto

Agazzano (PC)

Referente: Daniele – 339.8812536 

EMILIA ROMAGNA